La “Divina Toscana”, taroccata con photoshop

Fonte: Wired
1392199144_Toscana-Taroccata-600x335

 

A volte succede che troppa creatività (mal gestita e indirizzata) faccia male alla pubblicità.

È il caso della nuova campagna della Regione Toscana, “Divina Toscana”, che mostra attraverso sette soggetti un’immagine totalmente falsa, con un pesante effetto Instagram nei colori, ma anche photoshop nei contenuti: nella visione di Firenze da Piazzale Michelangelo è stata eliminata la torre di Palazzo Vecchio, mentre magicamente sono comparsi dei faraglioni di fronte alla spiaggia della Feniglia all’Argentario, nuovi speroni di roccia tra le Alpi Apuane, e altre forzature che mostrano una vera e propria Toscana Ogm.

Ad ogni immagine (perché tecnicamente non si può parlare di foto) è stata abbinata una frase tratta o ispirata dal Dante della “Divina Commedia“: “Pigri, abbandonatevi all’ozio”, “Golosi, lasciatevi tentare”, “Ambiziosi, metteteci il cuore”. Per questo l’agenzia di comunicazione Ls&Blu di Roma (che si era aggiudicata la gara indetta da Toscana Promozione, budget creativo 100mila euri) ha volutamente creato un visual immaginifico, irreale, che si rivela falso proprio per ricreare una nuova dimensione che vada oltre la realtà dei fatti e anche a certe immagini di “toscanità da cartolina” (a volte insopportabili anche da chi, come me, è toscano), magari giocando con il fenomeno delle immagini alterate che immortaliamo e condividiamo quotidianamente con i nostri smartphone.

L’idea non era malissimo, ma la realizzazione è totalmente sbagliata, perché alla fine è stata travisata la realtà o, peggio ancora, il prodotto da comunicare: cioè, è come se pubblicizzassi uno smartphone comunicando caratteristiche differenti rispetto a quelle che ha veramente, oppure un armadio con dimensioni e ingombri diversi dalla realtà. Con la comunicazione turistica non si può esagerare, perché laddove in un’altra pubblicità il paesaggio è lo sfondo, qui è il prodotto. Insomma, bisogna attenersi alla realtà e, nel caso della Toscana, c’era l’imbarazzo della scelta, anche non volendo ricorrere alla solita immagine del grazioso-borgo-con-l’olio-bono. La situazione è tale che questa campagna rischia di prendersi pure una denuncia dall’Antitrust come pubblicità ingannevole.

Come forse sapete il primo a lamentarsi di questa campagna – che sarà presentata domani nel corso del Bit, la Borsa Internazionale del Turismo di Milano – è proprio il Governatore della Regione Toscana Enrico Rossi che, una volta vista (era assente al momento della presentazione da parte dell’agenzia pubblicitaria), ha immediatamente scritto sul proprio profilo Facebook una ferma presa di distanza da ciò che era stato approvato dal proprio Assessore al Turismo Cristina Scaletti (“Anche se la campagna promozionale turistica l’abbiamo fatta noi, anche se dicono che costa poco e sarà efficace, a me quest “Toscana Taroccata” non piace proprio per niente. Io amo la Toscana così com’è” recitava il suo post). Una campagna che peraltro durerà quasi due anni e sarà pianificata in tutto il mondo con un budget media di un milione e mezzo di euro.

Come ogni cosa che accade nella Pubblica Amministrazione del nostro Belpaese, il tutto prende una triste declinazione politica. Perché ovviamente chi ha approvato la campagna non fa parte della stessa compagine della presidenza, e quindi ecco il solito muro-contro-muro tra chi vuole ritirare la campagna e chi la vuole mantenere perché “ha già raggiunto gli obiettivi di comunicazione e visibilità” (sic).
E poi ci chiediamo perché l’Italia non riesca a vivere di solo turismo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...