Da uno studio di grafica spagnolo la tipografia sperimentale

Fonte: Designerblog
Scritto da: 

La tipografia per gli esperti del settore è quasi una scienza, con le sue regole ottiche, le classificazioni, le famiglie, le trasformazioni nel tempo, gli studi, e immancabilmente anche una parte di sperimentazione, forse la più divertente. Lo studio di grafica spagnolo Lo siento si è sbizzarrito per differenti progetti a proporre maniere innovative di creare e vivere illettering.

lo-siento-01

 

La serie alfanumerica che più risalta all’occhio è quella realizzata con la plastica d’imballaggio con le bolle d’aria. Passata per le mani divertite di chiunque, non tutti avrebbero pensato a utilizzarla per farne lettere. Acqua colorata, siringa, tanta pazienza e precisione, e una a una le bolle vengono colmate fino a realizzare un preciso disegno, nella fattispecie la copertina di+81 Magazine, rivista giapponese.
Da uno studio di grafica spagnolo la tipografia sperimentale

Empo invece è la realizzazione delirante di un alfabeto in 3D, partendo da una semplice superficie in 2D. In realtà è un progetto tutt’altro che privo di razionalità, che invece è servita totalmente per realizzare su carta ogni lettera a cui dare poi spessore. Oltre alle lettere sono stati realizzati anche organi umani come occhi, cuore, e spina dorsale, vertebra per vertebra.

Con 4D si raggiungono massimi livelli di design, tra la progettazione e la realizzazione. Gli oggetti sono stati realizzati con due estrusioni dello stesso carattere, fatte intersecare tra loro, in modo che poi la singola lettera possa essere letta da due differenti punti di vista contemporaneamente. Inutile dire la bellezza di una font che si fa architettura, attorno alla quale girare per comprenderla nella sua pienezza e totalità.

Infine la cover dell’album musicale per i The Pinker Tones, un gruppo di Barcellona. In questo caso il lettering è stato realizzato con dei pezzi di plexiglass dai colori molto vivaci, con la sovrapposizione dei pezzi gli uni sugli altri. L’effetto finale è stato come fossero caramelle gommose, di sicuro coerente con il tipo di musica suonata.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...