“Choc Fabre” pre-Biennale. La “Pietà” dell’artista fiammingo ha il volto della morte

(fonte Exibart)
L’arte della provocazione sbarca a Venezia ed è subito scandalo. La rivisitazione della scultura La Pietà di Michelangelo dell’artista fiammingo Jan Fabre è già sulla bocca di tutti. Al volto della Madonna Fabre sostituisce un teschio e al posto del Cristo morto c’è l’artista stesso vestito e in stato di decomposizione come testimoniano gli insetti sul suo corpo, in mano tiene un cervello, simbolo della poetica di Fabre. Alle accuse di blasfemia l’artista risponde che la sua è un’opera/performance che mette in scena i veri sentimenti di una madre che vuole sostituirsi al figlio morto…
Articolo Exibart

Sogno compassionevole di Jan Fabre

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...